Il Pizzo Cotto

Il recupero del pizzo antico ha segnato l'inizio del mio mestiere di artigiana. Tutto nasce dalla scoperta di una tecnica tradizionale di cottura del tessuto in forno, che ho perfezionato e collaudato attraverso varie sperimentazioni. Questa tecnica, che dà anche il nome alla mia attività, richiede un delicato equilibrio tra varie fasi strettamente connesse.  Il primo passo è il restauro della base di pizzo originale con ago e filo, che procedo poi a colorare con pigmenti di origine naturale. Il tessuto viene successivamente fissato attraverso un processo di cottura con resine, che conferisce alla materia resistenza e durata nel tempo. Infine, l'applicazione della foglia oro impreziosisce le creazioni, aggiungendo una nota raffinata all'insieme.  I pizzi che utilizzo derivano in gran parte da corredi nuziali e battesimali e testimoniano l'abilità delle ricamatrici di una volta nel trasformare un semplice filo di seta o cotone in un'opera d'arte. I motivi dai quali traggo ispirazione riconducono principalmente alla ricchezza della cultura barocca ed ai numerosi decori che caratterizzano i secoli Sei e Settecento.